• Home
  • Consulta dei Lavoratori

CONSULTA DEI LAVORATORI

Fin dagli anni ’70 la Consulta dei Lavoratori, voluta da CGIL, CISL e UIL, ha iniziato ad operare per favorire l’accesso di lavoratori e lavoratrici ai teatri milanesi a prezzi convenzionati.
Nel 1997 la Consulta è diventata una vera e propria associazione, con un proprio statuto e con una vita autonoma basata sull’adesione dei soci (Cral, Rsa e Rsu, lavoratori dipendenti).

Con il tempo la Consulta è diventata nei fatti una significativa istituzione milanese di promozione della cultura teatrale e musicale presso i lavoratori.

Tra i servizi offerti agli iscritti a Cgil, Cisl e Uil, la Consulta propone:

prenotazione di biglietti a prezzi convenzionati per rappresentazioni teatrali e concerti (con disponibilità di volta in volta concordate con gli organizzatori)

incontri di preparazione e approfondimento sulle opere liriche in programmazione alla Scala di Milano

CONSULTA DEI LAVORATORI

INDIRIZZO: Via A. Tadino, 18 – 20124 Milano (cortile interno)

Dal lunedì al venerdì 11.30/13.30 – 16.00/17.30

Tel. 02.29526882 e 02.23526895 – Fax 02.29401494
E-mail: info@consultadeilavoratori.191.it

Il Sistema delle tutele e dei servizi della Cgil è l’insieme di tutte le attività offerte alle persone che nel corso delle varie fasi della vita – da quando concludono il sistema scolastico, a quando entrano nel mondo del lavoro, sino alla pensione – hanno necessità di essere assistiti o orientati nel sistema dei diritti.

Le situazioni ricorrenti per le quali i lavoratori e i cittadini chiedono aiuto e consulenza sono:

• L’aiuto ai giovani in cerca di occupazione;

• le prestazioni previdenziali e assistenziali;

• assistenza ai problemi di  salute;

• l’accesso ai servizi sociali alla persona, la disabilità;

• la pensione;

• i rapporti con il fisco;

• il diritto alla giustizia civile;

• la difesa dei consumi;

• le condizioni dell’abitare;

• la vita attiva degli anziani;

• il permesso di soggiorno di chi è immigrato in Italia;

• l’assistenza di chi va all’estero.

I circa dieci milioni i fruitori delle tutele della Cgil possono contare su di una rete capillare di servizi sul territorio, strettamente correlate con le organizzazioni di categoria, organizzate direttamente dalle Camere del lavoro, o promosse dai sindacati di categoria, oppure offerte da soggetti sociali con i quali la Cgil ha stretto importanti intese.